Confraternita del Zocco

STORIA E POESIE DEL ZOCCO

PREFAZIONE
La contra’ del Zocco e’ una realtà , poco conosciuta.
Sempre le zone di confine tra due provincie, nel nostro caso
di Padova e di Vicenza, sono viste come aree cuscinetto,
da tenere ai margini. La contra’ al Zocco vive una
situazione del tutto paradossale, la riflessione va’ alla Fiera
del Zocco; la chiesetta Santa Maria del Zocco e’ sita ad
Arlesega in provincia di Padova, la Barchessa Al Zocco e’
sita a Grisignano di Zocco in provincia di Vicenza.
Chi conosce la storia della antica Fiera, sa’ che nasce come
fatto religioso e poi, il mercato, successivamente, prende
posto nei campi di fronte alla Barchessa al Zocco verso la
chiesetta di Santa Maria del Zocco.
E’ questo il vero loco di detta fiera, e’ questa la vera storia.
Solo recentemente, si e’ potuto notare dai vari libretti fiera
succedutesi negli anni, una inversione alle “non si sa’ il
perche’ e come sia nata detta manifestazione” oppure “
fiera del bestiame” “ fiera delle baracche” “fiera del soco de
legno”……
Oltrettutto la dizione corretta e’ Antica Fiera del Zocco.
Quindi una svalutazione del fattore storico e una non
consapevolezza dell’importanza del valore religioso. Ci
sembra cosi’ opportuno, inserire in questo opuscolo, una
parte dedicata alla storia del locale piu’ significativo del
Paese, che a torto, e’ da anni incomprensibilmente tenuto a
margine della Fiera del Zocco, da cui ha dato il suo
inizio e il suo prestigio attuale.
La Confraternita del Zocco

POESIE DI ALESSANDRO ROSSI
La pubblicazione di queste poesie, prima di tutto e’ una
promessa fatta alla signora Miranda moglie di Alessandro
Rossi, poeta dialettale vissuto a Grisignano di Zocco per
far capire l’amore che aveva per il suo Paese e per la
sua gente.
Poesie che danno una descrizione spontanea in forma
dialettale di alcune persone di Grisignano di Zocco che non
ci sono piu’ , pero’ vivono ancora nelle menti di chi le ha
conosciute e altre tuttora presenti. Figure difficili da
dimenticare per la carica di umanita’ che possedevano. A
me sembra che con poche frasi abbia colto come un pittore
nei suoi colori la veridicita’ di ognuno, il riassunto di ogni
personalita’, e a lato mi e’ parso opportuno inserire una
foto datami dai familiari, ma anche dal mitico Giovanni
Baston.
Mi ricordo quando Alessandro Rossi con grande gioia,
veniva trovarmi e mi diceva: “Senti qua’ questa a go’ scritta
stanotte, “dime se a te piaxe. “
A volte per l’onor del vero approvavo con un sorriso poco
compiacente, ma ugualmente li dicevo “ veramente bea
cio’”. Tanto era la semplicita’ della evocazione espressa
che emetteva tenerezza, e lui ne era tremendamente felice.
Era fiero di appartenere al paese di Grisignano di Zocco e
per questo ne esaltava la Storia del nostro paese e la
chiesetta del Zocco era la sua meta come per molti di noi “ai
8 de settembre.”
La poesia “ la vecia ceseta del Zocco” rimane la piu’ bella
a mio avviso, in quanto e’ una sintesi della mentalita’
nostra veneta, dove non ci si pensa due volte a sistemare
le cose e con generosita’ di offrire quel che si ha.
Credo di aver fatto cosa gradita, ad Alessandro Rossi e da
lassu’ par ch’ el diga.: Grassie tante e dighe a tuti che
Grisignan del Zocco xe beo anca da quassu’ saludame con el
cuor perche’ mi ve penso sempre con tanto amor
Dott. Corrado Reschiglian

A MIA MOGLIE

Se te savessi amore mio
Quanta voia
Go’ sempre de ciamarte
De sentirte a me visin.
Te parlaria pian pianin
Quasi bisbigliando
Come quando
Viso contro viso.
Rente te vegnevo
Par caressarte e basarte,
saria tante e tante
le domande da farte.
E ti col to consiglio,
che par mi gera arte
sapi che ancora utile me saria
e dirte col cuore in fiamme
Vien chi, vien chi amore
per basarte e sempre ciamarte
amore mio non desmentegarte
ti per mi: mio tesoro e mio amore.

ALLA MIA CARA “LUCIA ANNA”

Quando alla sera tornavo a casa stanco,
e piano piano, al buio venivo a letto
una grande dolcezza mi riempiva il petto
sentendo che dormivi al mio fianco.

Sento il respiro tuo che mi accarezza
insieme al tuo cuore; voria baciarti,
ma ho molta paura di svegliarti,
a te risparmio la mia tenerezza.

Riposa, cara, tu che n’hai bisogno!
Mi scuoto un poco, ma in me ti penso
e con il pensiero mi addormento,
ma non ti lascio; ti rivedo in sogno.

Il tuo papà

 

DON ARTURO

Gran musicista, gran oratore
e so prediche e xe davero bee
Don Arturo vestio da prete vero,
con el capeo col fiocco e
con la tunica lunga nera.
Cossa ve par de sta cesa nova,
forse ea se par zente zovane,
ma butar via el vecio
che disprisio Don Arturo
Done, Omani Putei vanti destrigheve
la messa ea xe anda’ su’
Lo sa vi’ che Don Arturo
se el se rabia, ghe scapa ea dentiera
E quando che xe pien la ciesa
el xe un gusto a vedarlo contento
che te da’ ea benedision,
Si oh Signor xe un prete Santo,
Don Arturo xe merita tanto.

Grassie Dott. Temistocle Cantarella

El dottor Temistocle
Xe un dottor sempre pronto a dirte cosa fare,
par el to mal da curare.
Gran passion, e devossion
Par un lavoro che ghe voe vocasion.
Ancuo, basta studiar tanto,
e subito ciapar schei
questo xe importante
no serve l’animo del dottor, come el Suo,
ma vuto metare che differente modo
nell’onor.!

EL MAESTRO ANTONIO

El maestro Antonio
Xe proprio bravo.
Copa alta o copa bassa?
na’ sforbiciada ai busi
del naso e dee recie,
la macchinetta che gira
paea testa,
na’ sforficiada de qua’
e una de ea’.
Un spolvaramento col borotalco
Che te fa’ tutto beo bianco,
ecco messote a novo.
Che contento che so’,
adesso che el maestro Antonio
me ga’ improfuma’
de lavanda,
adesso si’
che se poe dire
taca banda.

AL NOSTRO CAMPARO “GUSTO PENELLO”

Quando el nostro campanaro Gusto
le campane l’era un concerto,
na sonada soprafina
se anca el sonava de matina.
El sonava a la distesa,
quando gh’ è gera andar in cesa,
ma gh’è dava una bota sola
quando gh’è gera andar a tola.
Vorà dire che a l’adunanza
la più pronta l’è la pipa e la panza.

A SERGIO DETTO FINCO

E bombe dea guera al duomo de Vicenza
E te ga’ scansa…..
Ea Madona de Monte Berico te ga’ fato
Tante grassie, ma la piu’ bea
xe to mujer Flora
che l’e’ un fior dora’
su sto’ giardin coltiva’
con tanta fatiga e
con tanta bonta’.

ELSA COGNO

Quatro eti de formajo asiago
Tre fetine de sardeon,
daea Elsa Cogno
te trovi tutto
quel che ti vol

E se dopo no te ghe i schei,
ea te fa la nota,
perche’ la Elsa la xe una
che memoria bona
ghe na’.

Quanto xe beo
Vedare che ea xente xe ajuta
E ti mia cara Elsa
te ghe juta’ tanti
A tirar vanti.

EL SCHIZZOTTO DE ORFEO PANETIER

State atenti, state sempre sotto,
che il panetier non vada via
per non dire in drogheria
su due minuti fa’ el schizzotto
a chi arriva troppo tardi
come augurio de ogni bene
a chi fa’ senza riguardi
de ritornare st’anno che viene,

cori subito a comprarlo
per voi a regalarlo
ai amici con il cuore
ai nemici con dolore
chi comincia il nuovo anno
con un regalo come questo
e’ felice per il resto……..
vale dire tutto l’anno

 

A la casa de Rino Dal Pozzo

Che ben che xe sta‘ senta’,
difronte la pineta
bevendo l’acqua dea fonte
bea fresca e ciareta.
Che ben che xe sta’ senta’,
tra il verde dea vale,
in compagnia de amissi
a contarse storie e bale.
Che ben che xe sta’ senta’,
fora su la poltrona,
e anche su la panchetta
a sonar la canson oci ciornie
Che ben che xe sta’ senta’,
a zogare le carte, con le putele…
con tanta stuzia e fantasia
ogni fine el botin me porto via.
Che ben che xe sta’ senta’,
con in man el giornale,
le carte, el quadernetto
dove ghe scrivo versi in dialeto

PER I PUTEI MALA’

Ghe gera na volta un puteo,
che non savea contare
par quatro e gnaca par oto
Na sera un ragneto,
tuto rosso picinin
pian pianeo
e s’a cala’ col so filo
zo dal piateo
dea luce
el xe resta’ un poco,
cossi’ de picolon
a vardar ch’el quaderno vodo
el gavea le zatine distira’
quatro de qua’
e quatro de la’
el toseto vardandolo amira’
el ga’ impara’ de boto
a contar par quatro
e anche par oto

 

Emilia e Maria Magrin

Emilia e Maria Magrin
Do soree che sempre taca’
Da’ el senso dea bonta’
Sempre pronte pea cesa,
e anca par cantar
Una moda antica la Vostra,
ea Emilia con ea trexa nei cavei,
ea Maria col coconeo, cotoe lunghe e nere.
Done del secolo pasa’
non se ne cata’ pi’
de ste nostre venete qua’
Ea bonta’
dea Emilia e dea Maria ga’ fato scola,
si ea bonta’ vostra a Grisignan del Zocco
ghe xe ancora
le radixe e xe ben impianta’

EL MATO DE GONDA

Gonda gera uno che te vedea sempre storto par via ,dei so oci che
in dava par conto suo. Pero’ quando che cominciava a raccontarte
dea so storia no a finiva pi’.
Un tipo davero strambo cio’, uno che a matina se fasea el
Cafe’ con a coghoma piena de vin anziche’ de acqua e in piu’ lo
fasea coreto graspa, cosi’ tanto par cominciare el di’.
Sempre in bicicletta Gonda, con ea bareta mesa roersa.
e sempre con dei botiglioni in man… no ghemo mai capio dove che
andasse.
El so amico fidato detto Bepi el gera un can, e quando
che el compiva i ani Gonda ghe regalava un salame, e lu’
par farghe torto no lo magnava, cosi Gonda ghe diseva:
“anca ti Bepi ti si insiminio”
Con Sante scarparo, i ga’ fato anca el balo paea Fiera del
Zocco nel piazale dea Barchessa, tanta zente, tuto beo,
anca parche’ el vin non mancava.
Peca che ti si salta’ pararia caro Gonda. Non te gavei sara’ ea
bombola de gas de casa tua, ma senz’altro dove
che ti si, te gavare’ cata’ i to amissi, Bepi e i to bottiglioni de
graspa e de vin.

IL CUOCO E LA CUSINA DEL ZOCCO

Ghe gera un omo a cusinare
Sior Gianni
Re del magnare,
L’ho visto tutto a fasendare.
a mescolar polenta su la cusina.
Ghe gera tante marmite,
dal culo nero infumegate el gera tacà el muro fermo e
sicuro.
E quando la polenta
vegnea buta sora el panaro, con’na mossa seca e studia’ na
luna piena la someyava;
Po el cogo la tocava,
con taier picolo la rotondava, dopo rafredà e brustolà
e ghe metea del bacalà.
Col pocio alla Visentina,
la coga Ester sui piati distribuiva,
polenta col formaio,
polenta col sardeon brustolà.
E questo el saria
el lavoro del cogo dea cusina.

SANTE SCARPARO

Oh Sante
Quanti tachi gheto taca’
E quanta bea musica gheto sona’

Infondo xe o stesso ritmo per animar sta vita,
che de tanto sudor
xe beo anche darghe na spinta

La to’ fisarmonica che allegria ne ga’ da’
Altro come ti, no…..
Non nasera’

HOSTARIA AL ZOCCO

Noialtri ghemo boni magnareti:
la poenta con gli oseleti
el polastro col toceto
sia p’al sior , ch’el poareto,
poenta profuma’,
col gusto de bacala’
Grisignan xe paese da invidiare:
e’l ga’ l’arte e el so bel da fare,
come un fior de la mora,
che t’incanta e t’innamora.
So’ un poeta de tanti
Per far taser tuti quanti!

IL MIO ONORATO TESTAMENTO

Quando la morte arrivera’
tocandome na spala
e me dira’ : Son qua’…
par portarme via
la seguiro’ tranquilo,
senza rimpianti
e senza nostalgia
Voria pero’
che nel gran orto pien de crose
nascesse su la me casetta
un piccolo fiore rosso,
sempre a riscaldare
quel che no go’ savuo amare,
e sempre profumare,
quel poco che go’ savuo donare.

 

LA VECIA CESETA DEL ZOCCO

Su larga strada fora de man tuta a buse abandonà
ghe ze na vecia Ceseta maridota e dirocà,
un quadro dea Madona tuta quanta impolvarà,
un lumin che ze stuà da diversi anni fà,
un vaso rusinio senza acqua,senza un fiore,
che tristessa tut’intorno a vardar te struca el core.
Se avisina na veceta, che un tempo stava là;
la te vede ala Ceseta così bruta e rovinà
senza un fiore nel vaseto, con lumin che ze stuà
o Madona Benedetta”, più nesun ze vegnu’ qua!
la se dise la vecieta tuta quanta ratristà,
anche mi “Madona Santa” i me ga desmentegà.

E la va sta pora dona con l’amore dentro al core,
par che la mormora, a la Madona dove seo finio l’amore?
Sta vegnendo par ea strada un grupeto de tosati,
ì sta tornando da una gita stanchi morti e afamati,
con i ga visto la tratoria del Soco i se ferma a magnare,
dopo du pasi vista la Ceseta i se ferma a pensare.,
Un de lori dise. “tosi” ze ancor presto par tornare,
e così dal dito e fato un te cava dee scarpie,
un’altro lucida el quadro, ún’altro serca e trova un fiore,
a ze beo vardar sti tosi lavorare con tanto ardore.
Po co i ga impisà el lumin i se ferma e i prega un fià
e i va via contenti e allegri par quel l’ato de pietà.

quel ciareto tremolante par chel’fassa un gran splendore,
par de vedere dee rose, su quel vaso con quel fiore,
la “Madona” soridendo par che ea mormora:
“si o Signore ghe ze ancor un fià d’amore”.

 

GIUSEPPE SACCHETTI
NELLA rapidITA’ DEL vivere d’ OGGI, siamo TALMENTE PRESI DALLE QUOTIDIANE VICISSITUDINI CHE SEMBRA BANALE E SENZA SENSO LA CONOSCENZA DELLE ESPERIENZE, DELLE STORIE, DELLE EMOZIONI di
chi CI HA PRECEDUTO NELLA STESSA TERRA IN CUI noi VIVIAMO, ORA.
EPPURE E’ UNA RICCHEZZA CHE BUTTIAMO AL VENTO, UN INCOMPRENSIBILE AUTOLESIONISMO CAPACE SOLO A NON FAR COMPRENDERE DA QUALE EREDITA’ STORICA NOI PROVENIAMO.
GIUSEPPE SACCHETTI E’ UNO DI QUEI FIGLI DEL NOSTRO VENETO CHE
A TORTO E’ DIMENTICATO ANCHE DA CHI ABITA AD ARLESEGA DOVE LUI E’ NATO NEL 1845 E MORTO NEL 1906 NELLA BELLA VILLA TUTTORA ESISTENTE.
FORSE POCHI abitanti di arlesega RICORDERANNO ANCORA LE SIGNORINE SACCHETTI FIGLIE DI GIUSEPPE DEDITE ALL’INSEGNAMENTO DI MUSICA E CANTO.
ALCUNI ANNI FA’ HO INTERVISTATO l’aiutante di casa sacchetti la signora REGINA SPOLON DI ARLESEGA. APPRESI ALCUNE TESTIMONIANZE DI UNA VITA SEMPLICE MA INTRISA DI VALORI TRASMESSI DAL PADRE GIUSEPPE.
Giuseppe studia dai gesuiti di Padova, al Collegio Fagnani, dal quale usciranno tanti cattolici intransigenti, tutti formati da padre Bartolomeo Sandri (1820-1898), un gesuita che eserciterà una grande influenza sul movimento cattolico soprattutto nel Veneto. Sono gli anni che precedono la terza guerra d’indipendenza (1866), quando il Veneto verrà ceduto all’Italia e cesserà così di essere amministrato dall’Impero asburgico.
Sono tempi di decisioni drammatiche, non soltanto per Sacchetti ma per tutti i cattolici italiani, tentati dalla sirena liberale che gioca la carta dell’indipendenza dallo straniero, e sconcertati dall’atteggiamento del governo austriaco, come lo stesso Sacchetti scriverà:
“E poi, quale partito dovevano abbracciare in quei giorni i cattolici? Forse quello del governo austriaco? Ma il governo austriaco, caduto in mano di uomini o inetti o traditori, faceva ogni sforzo possibile, perché nessun cattolico si schierasse in suo favore.” Il pensiero di Giuseppe Sacchetti di far tornare la
Repubblica di Venezia agli antichi fasti era costante, ma le difficolta’ oggettive di far risorgere “la fenice” erano sempre piu’ numerose. Giuseppe Sacchetti
annoverava uno zio materno ucciso dai francesi per il solo grido VIVA SAN MARCO davanti alla barchessa al Zocco occupata dai militari di Napoleone,
da questo segno indelebile il suo impegno per la liberta’.
Memorabili le adunanze segrete tenutesi presso l’hostaria del Zocco, tra
Arlesega e Grisignano dei movimenti insurrezionali del Veneto, con Giuseppe Sacchetti e Carlo Bullo di Venezia.
. “ Le associazioni nostre proibite, la stampa cattolica vessata e processata, i giornalisti cattolici incarcerati, i sacerdoti impunemente oltraggiati, ovunque si presentassero, le Chiese fatte teatro di orribili attentati, il Sillabo pubblicamente arso nel cortile dell’Archiginnasio padovano, sotto gli occhi impassibili della polizia austriaca, cotanto esecrata, nelle tragicomiche leggende del patriottismo, per la sua ferocia: erano tutti fatti, i quali costringevano i cattolici veneti a considerare il governo austriaco, se non come un nemico della religione, certamente come un complice dei suoi nemici”. Molti
di questi valorosi veneti furono salvati grazie al rifugio trovato presso il collegio Dimesse in via Vanzo a Padova.
La scelta fra cercare di mettersi alla guida del moto per l’indipendenza e per l’unità nazionale, collaborando così in qualche modo con le forze rivoluzionarie nemiche della Chiesa, oppure se assecondare l’impero austro-ungarico con tutte le sue ambiguità nei confronti della Chiesa stessa e soprattutto con la sua decadenza che sembrava inarrestabile, era una scelta che avrebbe avuto ripercussioni di lunga durata per i cattolici in Italia.
Il movimento cattolico sceglie una strada diversa, altrettanto difficile, quella di seguire la via della rinuncia a un obiettivo politico a breve e medio termine, cioè sceglie la via della contrapposizione del paese reale a quello legale, il rifiuto dei “fatti compiuti”; e così nasce il cattolicesimo intransigente, strettamente unito al Pontefice, Papa Pio IX (1846-1878).
Sacchetti è uno dei primi a inaugurare questa linea politica.
Infatti, fin dagli anni del liceo combatte le battaglie del tempo, per la diffusione del Sillabo, nel 1864, e contro la divulgazione dell’opera di Joseph Ernest Renan (1823-1892), quella Vita di Gesù intrisa di razionalismo che raggiungerà una grande notorietà.
Ma Sacchetti passerà alla storia del cattolicesimo italiano soprattutto per la sua opera di giornalista, incominciata ancora giovanissimo, con Letture cattoliche, che inizia le pubblicazioni il 14 aprile 1864, proprio a fronte della necessità di rispondere alla diffusione ideologica liberale. Sarà il primo seme della stampa cattolica in Veneto.
Lo scopo della pubblicazione — si legge nel primo numero — è di offrire ai giovani e alla popolazione uno strumento di formazione alternativo alla “colluvie sterminata di libri empi e malvagi” in circolazione. La rivista riprende esplicitamente l’opera di apostolato delle Amicizie Cristiane iniziata dal venerabile Pio Bruno Lanteri (1759-1830) — che attribuisce grande importanza alla diffusione della buona stampa — e incontra le difficoltà tipiche di questo genere di apostolato, come lo stesso Sacchetti ricorda:
“Forse non si comprende tutta l’importanza di quest’opera, forse non si conosce tutto il frutto che viene nel popolo dai tanti buoni esempi e dalla lettura, anche se breve e rara, di libri. Eppure, dopo quindici anni dacché ce lo hanno così rovinato questo povero popolo [...] dovrebbe apparir chiaro che, se non tutto, certo la parte maggiore del guasto venne dalla lettura”.
Scoppiata la guerra d’indipendenza nel 1866, Letture cattoliche deve sospendere la pubblicazione, che non riprenderà al termine del conflitto: ma gli uomini che daranno vita al cattolicesimo intransigente in Veneto avevano avuto la possibilità di conoscersi e d’incontrarsi e così la rivista aveva svolto un’importante funzione.
Terminata la guerra, Sacchetti si laurea in filosofia all’università di Padova, nell’agosto del 1866. L’anno successivo comincia a collaborare a Veneto cattolico, fondato a Venezia da don Giovanni Maria Berengo (1820-1896), poi vescovo a Mantova e a Udine, giornale che diventerà l’organo più importante del cattolicesimo intransigente veneto.
Nello stesso tempo è uno dei promotori del Circolo Sant’Antonio, a Padova, che tiene la sua prima riunione i1 7 maggio 1868: Sacchetti è il primo presidente, assistente ecclesiastico è mons. Angelo Fontanarosa e il circolo sarà il secondo in Italia ad affiliarsi alla Società della Gioventù Cattolica, fondata a Bologna da Giovanni Acquaderni (1839-1922) e da Mario Fani (1845-1869).
2. Il volontario pontificio
Uno degli avvenimenti che segna maggiormente la vita di Sacchetti è senz’altro la Breccia di Porta Pia.
Nel 1870 ha soltanto venticinque anni e un gran desiderio di offrire la vita, se necessario anche versando il proprio sangue, per il Pontefice Romano, che sarà sempre al centro delle sue attenzioni e della sua ubbidienza;
così, nel mese di agosto, al profilarsi dello scontro decisivo, si arruola nel Corpo dei Volontari Pontifici della riserva, nel quale viene immatricolato con il numero 97.356.
Dopo aver fatto testamento, parte per Roma, da dove scriverà alla madre tre lettere, rispettivamente il 31 agosto, il 4 e il 24 settembre, dalle quali appare la straordinaria fede di quest’uomo, disposto al sacrificio supremo per amore di Dio e del Pontefice, e contemporaneamente ancora sottomesso alla madre tanto da chiederle il permesso di arruolarsi in un corpo attivo e stabile.
Ma ancor più edificante è la risposta della madre, che lo sprona [...] a difendere una causa tanto giusta che nobilita l’uomo e lo fa maggiore di sé”, ricordandogli anzitutto di desiderare la sua salvezza eterna e, solo se volontà di Dio, anche quella umana.
Sacchetti torna a Padova solo dopo l’amnistia, da parte del re d’Italia Vittorio Emanuele II (1820-1878), a quanti si erano arruolati volontari nell’esercito pontificio.
Riprende a guidare il Circolo Sant’Antonio e si predispone a combattere in una situazione mutata, dopo la fine del potere temporale del Papa, le cui conseguenze si sarebbero fatte sentire per lungo tempo sui cattolici italiani:
“Animiamoci, non pensiamo alla durata della lotta — dirà ai membri del circolo —: essa è breve se la paragoniamo a quella delle persecuzioni che ebbero a soffrire i primitivi Cristiani, ancorché volessimo far risalire l’odierna guerra alla rivoluzione francese: il tempo non ci deve spaventare, ma coraggio dobbiamo avere, fiduciosi nella santità della nostra causa”.
3. Il giornalista
Nell’agosto del 1871 Sacchetti lascia la presidenza del Circolo per dedicarsi più intensamente all’attività giornalistica, assumendo la direzione della Specola e poi, dal 28 giugno 1882, quella del Veneto cattolico.
Nel frattempo è diventato uno dei relatori sempre presenti ai congressi annuali dell’Opera dei Congressi e dei Comitati Cattolici, l’organismo fondato nel 1874, che riuniva le diverse associazioni del cattolicesimo italiano. Nell’intervento al primo Congresso, organizzato a Venezia dal 12 al 16 settembre 1874, ribadisce la tesi già precedentemente espressa contro l’illusione che la Rivoluzione fosse una realtà passeggera:
“Cattolici, preghiamo Iddio che la rivoluzione muoia domani, ma poi lavoriamo com’essa dovesse vivere per sempre”.
Nel 1886 Sacchetti viene chiamato a Milano a dirigere la Lega Lombarda, quando il giornale cattolico era espressione del cattolicesimo intransigente, prima che venisse acquistato, nel 1888, dal marchese Carlo Ottavio Cornaggia Medici (1851-1935), noto per le sue posizioni conciliatoriste.
Lasciata la Lega Lombarda, viene chiamato a Roma per dirigere un altro quotidiano cattolico, La Voce della Verità, diventando così uno dei più famosi giornalisti cattolici italiani, tanto che, quattro anni dopo, gli sarà chiesto direttamente da Papa Leone XIII (1878-1903) di trasferirsi a Firenze per assumere la direzione dell’Unità Cattolica, il celebre quotidiano fondato da don Giacomo Margotti (1823-1887).
Trasferito da Torino a Firenze, dove però non era riuscito a superare difficoltà economiche e anche a vincere le resistenze del cattolicesimo toscano, “segnato” dal giansenismo e dal cattolicesimo liberale e, recentemente, dal diffondersi dell’intransigentismo di sinistra, ostile alla classe dirigente dell’Opera dei Congressi e a giornali “papisti” come quello diretto da Sacchetti.
Infatti, la sua attività giornalistica, come la sua oratoria spesa al servizio del movimento cattolico, era esplicitamente polemica contro le ideologie del tempo e la classe politica liberale al potere, perché egli riteneva che all’origine dell’Italia nella quale gli era toccato vivere e lavorare — e alla cui unità non era assolutamente avverso — vi fosse un sopruso perpetrato contro il Santo Padre, colui che, per quanto incarnava, solo avrebbe permesso alla nazione di prosperare e di “unirsi” effettivamente.
La Questione Romana sarà sempre al centro della sua azione perché, come aveva scritto sulla Lega Lombarda del 19 dicembre 1888,
“in essa si concentra tutto: attorno alla Sedia di Pietro si combatte la battaglia decisiva che deve rivendicare agli italiani il diritto d’essere cristiani e cristianamente governati”.
Fino alla morte dirigerà l’Unità Cattolica, senza peraltro riuscire a farla uscire dalla crisi, soprattutto dopo la scomparsa di Papa Leone XIII e la soppressione dell’Opera dei Congressi.
Nelle mutate circostanze appare con chiarezza che il nuovo Pontefice, Papa san Pio X (1903-1914), non ritiene più sufficiente il rigido astensionismo e il semplice paternalismo in campo economico, che aveva caratterizzato l’Opera dei Congressi fino ad allora; e inoltre che, per combattere la prospettiva democratico-cristiana di don Romolo Murri (1870-1944) e dei suoi amici, il Pontefice intende valorizzare in modo particolare l’apporto culturale e organizzativo dei cosiddetti cattolico-sociali, come Giuseppe Toniolo (1845-1918) e Stanislao Medolago Albani (1851-1921), e favorire quegli accordi con i liberali moderati che culminano nel 1913 nel Patto Gentiloni.
Sacchetti comprende, anche se non immediatamente, il mutamento e, scrivendo sull’Unità Cattolica del 12 ottobre 1906 a proposito del possibile intervento elettorale dei cattolici, contrariamente a quanto aveva sostenuto al Congresso cattolico di Milano del 1897, afferma che
“noi ragionavamo con la nostra piccola testa e il Papa ragiona con i lumi che gli infonde lo Spirito Santo”. Egli aveva scritto che “il socialismo è la filiazione logica del liberalismo”, ma capisce il dovere per i cattolici di arrestare “i progressi della rivoluzione sociale” alleandosi con i liberali; però non dimentica di ricordare a questi ultimi che [...] finché il liberalismo non rinunci agli errori che lo rendono incompatibile col cattolicesimo, non isperi di affrontare vittoriosamente le orde furibonde e brutali del socialismo”.
La sua vita volge prematuramente al termine, contrassegnata da amarezze nell’apostolato e dal dolore per la scomparsa di una delle quattro figlie, Pia, alla quale era particolarmente affezionato.
Il 20 ottobre 1906, mentre si trova a Firenze, un attacco cardiaco lo porta al cospetto di quel Signore che aveva onorato tutta la vita, ricevendolo quotidianamente nell’Eucarestia, recitando il rosario e rendendogli gloria con la buona battaglia nelle file del movimento